wpid-20140417_154950.jpg

Old Delhi, il mercato delle spezie.

New Delhi, dopo due giorni di acciacchi fisici, decido di sfruttare gli ultimi scampoli del tempo che mi resta in India per andare alla ricerca della più grande moschea dopo quella della Mecca, Jama Masjid. Sara, un’amica esperta dell’India, me l’ha raccomandata. Parto avendo una vaga idea di come arrivarci a piedi, ma ho imparato che l’importante è fare il primo passo poi qualcuno mi darà un’indicazione. Dopo quasi un’ora di strade sbagliate e di caldo torrido […]

Continua a leggere…

wpid-20140407_165933.jpg

Nuovi incontri a Rishikesh e l’ashram dei Beatles.

E’ sera quando decido di andare a prendere il biglietto che mi porti via dal caldo asfisiante di Varanasi, la città che in questi mesi mi ha dato tanto, ma che ora sento di dover lasciare per vedere cosa succede dopo. Biglietto per Haridwar, una ventina di ore di viaggio in classe sleeper e poi arrivo all’alba a Rishikesh. Il viaggio è lento, ricco di vita, da una parte le famiglie indiane che mangiano, ridono, dormono […]

Continua a leggere…

wpid-20140403_141233.jpg

Cinque mesi di volontariato, grazie Alice.

Dopo 5 mesi di quotidiana e imprevedibile routine lascio questa scuola, che definire speciale è un eufemismo. Partito quasi per caso, seguendo le coincidenze che ho trovato nella mia strada, sono finito in questo angolo di mondo. Non sapevo inizialmente perchè stavo partendo, sentivo solamente che dovevo farlo per un qualche strano motivo. Non sapevo cosa avrei fatto, non sapevo come sarei stato utile, non sapevo se mi sarei trovato bene nè se mi sarebbe […]

Continua a leggere…

Corso di musica a Pushkar

Il corso di musica a Pushkar

Dopo mille chilometri in auto, tanto separa Varanasi da Ajmer, arrivo a riposarmi per un paio di giorni in un’oasi di pace poco distante. Arrivo a Pushkar. La strada diventa a mano a mano sempre più desertica, il Rajastan diventa sempre più brullo e la temperatura estremamente calda nonostante sia solo febbraio. L’arrivo è diverso dalle altre città, qui il traffico non è così asfissiante, i rumori non sono così assordanti. Non c’è la calca di […]

Continua a leggere…

sniffare colla a Kathmandù

Kathmandù: sniffatori di colla e una generazione allo sbando.

Nel centro del quartiere Thamel si percepisce l’aria di un grandissimo parco giochi in cui i turisti da ogni parte del mondo trovano qualcosa di simile a casa propria. C’è la pizza, i tapas, il karaoke, supermercati. Il caos c’è ma è relativamente sopportabile e tutto sembrerebbe quasi uno sviluppo normale per chi ci passa solo qualche giorno. Alloggiando in una delle numerose guest house, mi trovo a vedere questa miscela di etnie, di culture e di […]

Continua a leggere…

20131119_161135

La purezza dell’ignoranza: viaggio nelle campagne indiane dove la scuola non c’è

Dopo un paio di mesi di permanenza in una cittadina nel cuore dell’India decido di partire per un’escursione di una quindicina di kilometri nelle campagne, nella ruralità tipica indiana. Qui si vedono i contrasti più indicibili, il tempo sembra in alcuni frangenti essersi fermato, fino al prossimo negozietto di cellulari, fino alle montagne di immondizia raccolte ai lati della strada. Sembra tutto essere così indecifrabile. Se una persona si risvegliasse qua non credo capirebbe in […]

Continua a leggere…

gioventù islamica in India

L’interrogatorio della gioventù islamica.

In un pomeriggio domenicale decido di fare una passeggiata tra le strade della città in cui vivo, Sarnath. Vago tra le vie, mi inoltro nel parco e mi siedo per un po’ a crogiolarmi sotto il sole, in un tepore che sa quasi di fine estate italiana nonostante siano i primi di dicembre. Chiunque sia stato in India sa che molti incontri sono possibili, è tutto poco prevedibile. Se poi frequenti alcuni posti in cui […]

Continua a leggere…