Le sensazioni al momento della partenza.

Dedicato a chi sta per partire. E’ quando sei lì sul dirupo, pronto per il salto. L’adrenalina ti entra in circolo, spariscono prima i rumori. Poi dopo poco le immagini diventano rallentate, ovattate. D’un tratto apri gli occhi e percepisci di nuovo tutto intensamente e senti passarti, come un treno in corsa, mille immagini di una vita vissuta. In un universo spaziotemporale indefinito, ricordi, odori, abbracci, macchie sul pavimento che non avevi mai notato. La mente […]

Continua a leggere…

Pianista

Il pianista nella folla

Serata di gala, raccolta fondi, nobile causa. Gente impettita parla del più e del meno. Ognuno cerca come un amante di trovare sguardi disposti a iniziare una conversazione. Altri invece si salutano come vecchi compagni imbarazzati senza nulla da dirsi. Il cibo è buono, il vino anche. Gli argomenti si sovrappongono come urla in un coro improvvisato. In centro alla stanza c’è la fonte della bellezza, un pianoforte e un uomo che esprime la sua […]

Continua a leggere…

Atena

Come angelo sceso dal cielo, negli occhi profondi si sente un eco di oceano, si percepisce l’immenso, tra l’estasi e la paura. Nel sorriso ci si sente a casa, sincero e garbato, mai chiassoso o arrogante. Il viso esprime una rotondità che è pienezza, è già donna e lo si percepisce dal portamento, dall’eleganza e dalla sicurezza nelle parole e negli sguardi. Le mani non si agitano nella discussione, è un lago color indaco tra […]

Continua a leggere…

La vita che non conosco.

Mia nonna, 87 anni, di cui almeno venti passati a combattere una qualche malattia, a curarsi da qualche frattura o a risentire di qualche acciacco, mai una parola di sconforto. Mai un lamento capriccioso di un vecchio-bambino che pretende attenzioni dai familiari. Ora sono qui su una poltrona di fianco al suo letto d’ospedale pronto per la notte, mentre in tv passano “Qualcuno volò sul nido del cuculo”. Lei mi chiede con sguardo prostrato di […]

Continua a leggere…

I macigni della mente

La paura di restare imprigionati in qualcosa di immobile, statico.La continua irrequietezza dovuta alla routine, lo spasmo alla ricerca del respiro di un’aria limpida e pura. Dentro di me si scontrano i pensieri come biglie impazzite, con la chiarezza che la ragione non darà mai delle risposte soddisfacenti a delle domande di cui nemmeno io so il significato. Vibrazioni, sensazioni inspiegabili di uno sgorgare di novità e di ricerca. E’ una continua spirale di angosciante sforzo per […]

Continua a leggere…

Il prezzo dell’uomo

Un mondo senza valori in cui l’unico valore è il prezzo su un cartellino, lo scambio di un numero per un oggetto. Un mondo in cui le leggi del mercato sono l’unica bibbia sacra e intoccabile, in cui il più furbo deve sopravvivere e il resto soccombere silenziosamente,distante da occhi indiscreti per non infastidire una civiltà che non può più essere chiamata tale. Una Gomorra indegna di esistere. L’indifferenza a questo sistema così marcio che uccide, che stritola è […]

Continua a leggere…

Buio

Tra le fronde degli alberi scorgo il cielo stellato così scuro eppur così illuminato; mi sento trascinare dentro questo buio lucente e mai come ora mi sono sentito così, vivo.